Le donne Stadium: Giulia

Miniatura articolo (1)

Qual è il tuo ruolo in Stadium?

All’interno della società ho ricoperto il ruolo di grafico. Inoltre, mi occupo degli scatti durante le partite, catturando le azioni, ma soprattutto le emozioni degli atleti.

Secondo te lo sport può essere utile all’eliminazione della violenza emotiva legata alla discriminazione di genere?

Credo che lo sport sia un mezzo molto forte, in alcuni contesti siamo ancora molto indietro. Frequentando l’ambiente della sala pesi, la donna muscolosa ad esempio non viene ancora vista come normale, ma come simile all’uomo. Sono fiduciosa però, che con il tempo e con messaggi come quello che stiamo mandando, si possa arrivare ad ampliare la propria visione e superare questi limiti, lasciando libere le donne di fare lo sport che più desiderano e ad avere il corpo che credono giusto per loro.